Agli sgoccioli

Non abbiamo neppure messo piede su suolo portoghese ed abbiamo già la prova di essere arrivati in Europa, quando le procedure di disimbarco tardano di qualche minuto ed alcuni passeggeri iniziano a spazientirsi ed imprecare contro le hostess. Il lento ritmo caraibico ha lasciato inesorabilmente spazio al frenetico stile di vita del vecchio continente. Ciò porta con sé il vantaggio di raggiungere il nostro alloggio con un rapido ed efficiente metro. Lisbona è una città ricca di edifici storici e con l’ausilio di tram d’un’altra epoca, che arrancano su ripide salite cerchiamo di visitare i più importanti, partendo del castello che sovrasta la città, continuando attraverso piazza Figueira dove è in atto un mercato di prodotti culinari regionali che ci accalappia per un breve spuntino e proseguendo fino alle rive del fiume Tago.

IMG_6763Raggiungiamo il quartiere di Belém dove si trovano altri edifici di grande interesse, incluso il monastero di Jerónimos che ospita il museo della marina e decidiamo di visitarlo per sfuggire ai cocenti raggi solari. Trascorriamo un’altra giornata gironzolando per le vie del centro prima di lasciare la capitale per spostarci nella seconda città del paese. A bordo di un veloce treno attraversiamo la campagna del Portogallo centrale e in poco meno di tre ore ci ritroviamo nel centro di Porto. Il nostro ostello è posizionato nel cuore della città e grazie alla sua ubicazione abbiamo la possibilità di visitare il centro comodamente a piedi. La temperatura è più gradevole rispetto alla capitale e così passeggiamo piacevolmente per le vie dal centro, fino a quando transitiamo di fronte all’entrata della libreria Lello, uno dei luoghi dove J.K.Rowling fu ispirata per scrivere alcuni capitoli della saga di Harry Potter.

IMG_6859Entriamo ed ammiriamo gli affascinanti interni del negozio, le pareti laterali colme di libri fanno da cornice alla scala ellittica, posizionata al centro, che porta i visitatori al piano terrazzato. Trascorriamo un po’ di tempo a sfogliare alcuni volumi prima di ritornare in strada e dirigerci verso la Torre dos Clérigos. Alla fine dell’interminabile fila di scalini, dai suoi settantasei metri d’altezza, si può godere di una vista a trecentosessanta gradi sulla città. In direzione nord si riescono a distinguere diverse chiese e cattedrali, la vecchia stazione ferroviaria e la piazza principale, mentre verso sud si può ammirare il fiume Douro con tutte le cantine, ove viene raffinato il famoso vino porto, che si affacciano sulle sue rive. Ridiscendiamo i duecentoventicinque scalini e proseguiamo in direzione del lungofiume, passando attraverso viuzze dove si respira aria d’altri tempi, fino a raggiungere la base dell’imponente ponte Dom Luís I che grazie ai suoi due livelli collega sia la parte bassa che la parte alta della città vecchia al quartiere Vila nova de Gaia.

IMG_7017Il giorno seguente lo dedichiamo interamente al vino tipico della regione e dopo una ricca colazione ci dirigiamo lentamente, passando attraverso il decadente mercato cittadino ed altre strade ricche di storia, verso l’altra sponda del corso d’acqua. Dapprima visitiamo la cantina Sandeman dove scopriamo qualcosa in più a riguardo della produzione di questo prodotto vitivinicolo grazie all’interessante e costruttivo tour guidato attraverso le sale di stoccaggio dell’azienda ed in seguito ci inerpichiamo sulla collina per assaggiare e confrontare il risultato del procedimento svolto in altre cantine. Rientriamo verso la sponda nord del fiume Douro attraversando il livello superiore del ponte Dom Luíz I per avere una visione globale della città. Indecisi su dove trascorrere gli ultimi giorni del viaggio noleggiamo un’auto e ci dirigiamo verso la parte settentrionale del Portogallo. La nostra scelta ricade su Caldelas, un tranquillo villaggio termale incastonato nelle colline, ma al nostro arrivo scopriamo che le terme sono un luogo dove numerosi vecchietti sfruttano le proprietà dell’acqua per cercare di posticipare di qualche giorno la data della propria morte. Sentendoci ancora troppo giovani per questo processo di allungamento della vita ripieghiamo sulla città di Braga e la zona montana di Gerês.

IMG_7044Rientriamo all’aeroporto e ci imbarchiamo sul volo che chiuderà il cerchio. Mentre il quarantesimo aereo del nostro viaggio decolla ripensiamo a quello che abbiamo passato durante quest’ultimo anno e se da un lato il fatto ci rattrista un po’ perché siamo consapevoli che l’avventura tanto programmata e sognata sta volgendo al termine, dall’altro siamo felici di riabbracciare parenti ed amici che non vediamo da oltre quattrocento giorni.

Guarda tutte le foto

Guarda i consigli

Guarda l’itinerario

Back to the rush continent

We don’t even set foot on Europe that we can already feel the rush that everyone lives with: the plane lands in Lisbon and the hostess tells us to be patient, the door will open as soon as the bus approaches, less than five minutes later two men start shouting in Portuguese, all we understand is that they want to get out of the plane and they can’t understand what is taking so long. Welcome back to reality! In all the countries we’ve been we always felt that we were the fast ones, always getting on time everywhere and walking fast. We soon realize that we actually got slower and more tolerant, around the city of Lisbon people overtake us continuously. It’s sad to think that we are the only continent that never has time for anything and is always rushing around, as if the world would end if we don’t do so. At the end of the days we are the most unhappy people, the most sick ones and the ones that commit suicide, in other places people have barely food and a roof on top of their heads, but they are always smiling and appreciate every single moment of their life. Our stressful life is at the door and we too have to get used to it again. Here we are in the capital of Portugal, where with metros, buses and old trams we move around to explore the big city.

IMG_6819It’s a pretty hilly place so once reached the Castle of San Jorge we walk our way down to the old part of the city, stopping to admire the view of it lying on the side of the river Tago. In the area of Rossio we find a nice market where we take a plate of delicious raw ham and cheese accompanied by a good glass of sangria. Recharged we continue along the river and visit the monastery Jerónimos, now fully used as a showroom for few different museums one of which we visit, the maritime museum where many small and big models of the first ships until the newest ones are represented. Next we take a look at the monument of the discoverers, where many figures of people that left the old continent in search of new lands are carved and, further away, we see the tower of Belém, symbol of this area of Lisbon. After two days wondering around we take the train and move north to Porto. We arrive to the nearest tram station to the hostel we are going to stay, but have no idea of where to go, the maps we find around are all too big, luckily there’s a tourist’s assistant that looks for the address on his phone and gives us direction.

IMG_6910The hostel is really nice and clean, we are very nicely welcomed by the receptionist who also gives us a map showing us where the main attractions are. The room consists in four boxes where two are with single and two with double mattresses, each box has its own light, two little shelves and a curtain for privacy. The bathroom floor is tiled with all tiles in different colours and designs. Everything here is gorgeous, we are very happy about it, especially after the hostel in Lisbon which had no character, bunk beds were everywhere there was space, it was an open space with no doors, there were only two bathrooms for all the guests and worst of all Patrick got bitten by bed bugs every night. We take advantage of the cosiness and have a nice long sleep before setting out for a long walk around the marvellous city. First we walk to Library Lello, where J.K. Rowling, the writer of Harry Potter’s saga used to spend time every morning for two years when she was living in Porto. From the outside the building doesn’t look very special, but on the inside it’s all old style and kept the way it used to be with interesting stairs taking to the second floor.

IMG_6873We spend almost two hours looking through books. Back out in reality we climb up the Clérigos tower to admire the view of the city from different angles, this is the symbol of the city and also the highest tower of the country. We walk down to the river Douro, wonder by its bank and on the way back to the hostel we stop at Sao Bento train station to have a look at the nice painting that are inside. Our second day is dedicated to sampling the very known porto wine, but first we go for a walk through road Santa Catarina where we can see few buildings covered by their amazing white and blue tiles, which I really like, then we cross Luís I bridge and along the river we stop at Sandeman, one of the biggest porto producers. We take a guided tour which explains us how this special wine is produced, then we have a tasting of a white and a red one. Before going to the next tasting we fill up our stomach with a Francesinha, a speciality from here, then we walk up the hill and stop at Croft where we taste four different types of porto. Of course we can’t resist and we buy some to bring back home, now that we can afford to do so as we are almost there. We sadly say goodbye to the lively colourful city of Porto and with a rented car we drive to Caldelas, while back home in Switzerland people are suffering from the hot weather, here each time we move it gets colder, which makes it easier to walk and visit. Our plan to have a relaxing day in the thermal pools changes as soon as we realize that it’s full of old people that already have one foot in their grave and are coming to heal themselves with the magical water hoping to live few days longer, adding the fact that no one speaks English and Portuguese is way harder than anyone could expect, we decide to drive to Braga instead.

IMG_7037Braga is the first settlement of Portugal, a very important place for the country, we have a walk around the old area and I finally have my hair cut after years. But the nicest drive in this area we have it up the hills to Gerês, not far from Spain, on the way we are dazzled by Vilar da Veiga, a lovely village by the lake, knowing about it before we would have booked our nights here. We drive back to Porto’s airport, drop the car and take our fortieth and last flight of the trip. Even though we are very happy to go back home after four hundred days of travelling, see our families and friends, have a nice shower, a good bed and be back to have all the comforts, we are very sad that this adventure is over, we are not tired of travelling and could keep on going for much longer.

See all photos of Martin

See all photos of Portugal

See itinerary

Consapevolezza

Quando giungiamo a Placencia si presenta d’innanzi a noi un villaggio dalla forte vocazione turistica, ma povero di visitatori in questo periodo di bassa stagione. Ci informiamo presso Seahorse Dive Center e riceviamo conferma che quest’anno neppure gli squali balena, che normalmente si presentano in forze nelle acque antistanti il paese durante i mesi primaverili, sono arrivati nella zona per nutrirsi di plancton. Scartata la possibilità di immergerci con i giganti degli oceani optiamo per effettuare l’ennesima, ed ultima, uscita sulla barriera corallina belizeana. Alle cinque e trenta del mattino seguente ci presentiamo sul pontile, speranzosi che il mare sia clemente e renda possibile la navigazione fino all’atollo Glover’s. Prepariamo l’attrezzatura, consumiamo una veloce colazione e in attesa che alcuni scrosci di pioggia ci diano una tregua per poter partire mi accorgo di aver dimenticato il mio dive computer in ostello. Nonostante la lontananza dal porto, a passo di corsa, ripercorro la strada fino all’alloggio per recuperare l’importante strumento ed al mio ritorno sono già tutti in attesa sulla barca. Partiamo e navighiamo sino a raggiungere il mare aperto, il capitano spegne i motori e scrutando l’orizzonte, con un cenno della testa, ci fa intendere che oggi non raggiungeremo l’atollo, ma ripiegheremo sui dintorni di South Water Caye. Pochi minuti ed iniziamo il rituale di vestizione per acquistare la facoltà di respirare sott’acqua. Varchiamo il confine della barriera corallina ed in balia alle onde ci tuffiamo in acqua. Appena raggiungiamo il fondo uno squalo nutrice si avvicina a noi per scortarci durante l’intero dive, dove abbiamo la fortuna di incontrare un folto gruppo di aquile di mare, alcune tartarughe e diverse specie di pesci tropicali.

IMG_6626Difficoltosamente risaliamo a bordo dell’imbarcazione e ripetiamo quest’operazione per tre volte, alternando una tappa sull’isola circondata da calme acque tra un’immersione e l’altra. Rientriamo a Placencia e soddisfatti della giornata decretiamo che il nostro soggiorno in Belize può concludersi il giorno seguente. Ci svegliamo nuovamente presto e saliamo a bordo del bus che in poco meno di cinque ore ci porta a Belize City, dove arriviamo giusto in tempo per montare sul prossimo autobus che ci conduce oltre confine. Condividiamo il tragitto con un gruppo di apprendisti backpackers che, accompagnati da una guida, provano l’ebbrezza di viaggiare a bordo di un bus locale fino alla frontiera, dove vengono recuperati da un comodo minivan con aria condizionata che li condurrà nel loro confortevole albergo di Playa del Carmen. Arrivati a Chetumal decidiamo di percorrere gli ultimi quaranta chilometri che ci separano da Bacalar seduti sul morbido sedile di un taxi. Giunti in paese non ci resta che cercare una sistemazione per i prossimi giorni e finalmente dopo dodici ore, inclusa un’ora di fuso orario ed un’altra ora abbondante per attraversare la frontiera, ci sistemiamo in una minuscola roulotte nel giardino di Casita Carolina.

IMG_6678Il luogo affacciato sulla laguna è incantevole, tanto che dopo due giorni decidiamo di restare fino alla fine del nostro soggiorno in Messico, ma quando chiediamo se la piccola abitazione su ruote sia ancora disponibile per altre due notti riceviamo una risposta negativa. Modifichiamo nuovamente i nostri piani e decidiamo di spostarci sull’isola Mujeres per consumare gli ultimi giorni in centro America. Il giorno del nostro arrivo il sole splende e approfittiamo per nuotare nelle acque cristalline che bagnano le candide spiagge dell’isola, poi i giorni a seguire sono caratterizzati dalla pioggia incessante. Sfruttiamo le giornate per programmare l’ultima settimana di viaggio e per aggiornare il blog con le ultime informazioni. Transitiamo per l’ultima volta attraverso il centro di Cancun, senza esserci mai fermati, e ci rechiamo all’aeroporto per trasvolare l’oceano Atlantico. Mentre l’assistente di volo ci augura un buon viaggio realizziamo che il nostro giro del mondo sta per concludersi e tra poche ore rimetteremo piede in Europa dopo più di un anno d’assenza dal vecchio continente. Però prima di ritornare a casa ci acclimateremo alle latitudini europee trascorrendo alcuni giorni nel paese più occidentale della penisola iberica.

Guarda tutte le foto del Belize

Guarda tutte le foto del Messico

Guarda i consigli del Belize

Guarda i consigli del Messico

Guarda l’itinerario del Belize

Guarda l’itinerario del Messico

Approaching the end

We arrive to very pretty Placencia, where the infrastructure for tourists are plenty, but at the moment is very quiet. We find friendly Lydia that has a nice clean room for us, then we sign up for one more day of diving in the Caribbean sea. Early in the morning we get some gear and hop on the boat that will take us to South water Caye to plunge around the island and stop on it to have some break from the big waves. The second immersion, on the dive site called trick ridge, will turn out to be the best I’ve had so far: the corals below us are absolutely wonderful, around us we see many white spotted eagle rays and schools of them up to ten, by the end we spot a turtle from far away and the best thing of all is an affable nurse shark that follows us for the entire time, playing around and let himself even pet, it’s an incredible moment! In the evening we have a walk on the gorgeous walking street where I buy a nice wooden bowl from a local artisan and we have dinner in one of the many well decorated restaurants.

IMG_6662Even though we really like the small village, the wind and the emptiness of the place make us decide to leave the next morning, so we have our last long, never ending journey of the whole trip. The first bus leaves at 6:15am, after over four hours we change in Belize City and get on a less comfortable one where we meet for the first time some “apprentice backpackers”, a group of young people from all over the world following a guide and only having the thrill of being on a local bus until we get to the border, after a very easy passage from Belize to Mexico, they switch to a nice and comfortable minivan with air conditioning. We continue on the same bus to Chetumal where we find a honest taxi driver that takes us with his tiny old car to Bacalar, our final destination, reached by 6pm. The hostel where we would like to stay is already full, so we walk along the street looking for a place to sleep finding Casita Carolina which offers us a small trailer on a wonderful green garden directly on the lake.

IMG_6694The place is stunning, we don’t waste a minute to run across the long wooden footbridge and jump into the gratefully coloured water. We find ourselves very relaxed here and decide we want to spend our last days in the small comfy trailer, updating the blog and trying to realize that our long planned journey across the five continents is almost at the end. Unfortunately when we ask to stay two more nights they tell us that it’s already booked, so we have to change our plan. We enjoy the last day in the lagoon then take a bus to Cancun and a ferry to Isla Mujeres. Here we swim in a very see through sea with white sand beach the first day we arrive, after that the rain doesn’t stop a minute, not even on Patrick birthday, which turns out to be another not so special day, last year we found ourselves in an unknown city in Madagascar where we had dinner in a restaurant by ourselves, no other customers in the whole hotel and by luck we could have the last two desserts. At least this time we can have few beers in a nice little restaurant and chose the dessert, but of all the activities that we could have done here, none of them would have been worse doing with such a weather.

IMG_6718Never mind, we spend our days getting to know a little bit more about our next and final country. Of course to be able to tell people that we’ve been travelling in five continents we also need to do so, we’ve been first to Africa, then to Asia, moved to Oceania and now are finishing America, still one is missing, our own continent, we started there and will end it there, but the actual travelling is missing, so to make it more realistic we will spend our last week in the most westerner country of the Iberian Peninsula.

See all photos of Martin

See all photos of Belize

See all photos of Mexico

See itinerary of Belize

See itinerary of Mexico

Sul ciglio della barriera corallina

Di primo mattino ci presentiamo all’ufficio di Raggamuffin e Chris ci accoglie prendendosi cura dei nostri bagagli che andranno riposti nella stiva durante la navigazione. Noi nel frattempo facciamo conoscenza dei nostri compagni d’avventura mentre attendiamo di essere imbarcati sul catamarano che ci condurrà lungo la seconda barriera corallina del mondo per estensione. La provenienza del gruppo è omogeneamente composta da europei ed americani e non appena il discorso tocca il tema della politica inevitabilmente si parla (non propriamente in bene) del successore di Barack Obama. Bizzarramente di tutti gli statunitensi incontrati durante il nostro viaggio nessuno ha votato a favore dell’attuale presidente e nessuno è felice delle sue decisioni prese durante questi primi mesi a capo del paese. Evitiamo di addentrarci oltre misura in conversazioni troppo complesse per noi umili viaggiatori e ritorniamo con i piedi per terra, anzi li mettiamo sul veliero e volgiamo la prua a sud. Per le prime ore il vento ci sospinge sulle calme acque confinate all’interno della barriera corallina belizeana fino al luogo dove gettiamo l’ancora, pranziamo e ci tuffiamo per esplorare il paesaggio sottomarino. Poco dopo aver messo la testa sott’acqua facciamo il raro incontro con un lamantino (un docile mammifero marino che si nutre di alghe ed è un ibrido tra una mucca e un delfino) che alla visione del folto gruppo di umani fugge rapidamente nel blu del mare.

IMG_6036Continuiamo lo snorkeling tra coralli e pesci tropicali fino a quando non veniamo richiamati a bordo dell’imbarcazione per continuare la navigazione in direzione dell’isola Goff’s Caye, che ci appare in lontananza come una perfetta immagine da cartolina. Dopo una breve sosta il capitano Kevin, maneggiando il catamarano sulle acqua che spaziano dai colori blu cobalto al turchese, ci conduce a Rendezvous Caye e come moderni Robinson Crusoe ci accampiamo sulla candida spiaggia di questa minuscola isola che sorge nel mezzo del mar dei caraibi. Terminato di montare la nostra sistemazione per la notte ci godiamo un rum punch, immersi nelle acque antistanti l’accumulo di sabbia emersa coronata da una manciata di palme, mentre il sole si dissolve all’orizzonte. Ci saziamo con l’ottimo buffet preparato dallo chef Larry e dopo un paio di drinks andiamo a distenderci all’interno della nostra tenda illuminata da una luna pressoché piena.

IMG_6107L’indomani ci svegliamo presto per sfruttare al meglio la giornata e dopo colazione proseguiamo a motore su un mare piatto e trasparente come vetro dove vediamo razze e altra vita marina scorrere sotto allo scafo della barca e delfini levarsi dall’acqua in lontananza. Raggiungiamo la barriera corallina e ci tuffiamo sperando di fare altri incontri straordinari, mentre alcuni di noi si cimentano nella pesca subacquea auspicandosi di riuscire a catturare la cena per l’intera ciurma. L’impresa riesce parzialmente ad entrambi i gruppi e anche se per il mancato incontro di rare specie animali non c’è soluzione, per gli scarsi frutti della pesca si può rimediare acquistando un barracuda presso i pescatori professionisti di Tobacco Caye. Nel tardo pomeriggio giungiamo a Ragga Caye dove finalmente possiamo usufruire di una doccia d’acqua dolce prima di gustare l’ennesimo squisito pasto preparato da Larry con l’aiuto del sempre sorridente e disponibile equipaggio. Occupiamo la serata giocando a carte con i nostri compagni di navigazione all’interno del ristorante affacciato sul mare e mentre fuori si scatena una tempesta tropicale ci rallegriamo di non dover trascorrere la notte in fragili ed indifese tende da campeggio, ma in asciutti e più confortevoli dormitori su palafitte.

IMG_6443Durante il nostro ultimo giorno di questa avventura visitiamo una minuscola isola popolata da una colonia di fregate ed un’altra di sule prima di andare alla ricerca di lamantini che affiorano dalla superficie per respirare. Avvistiamo un gruppo di una mezza dozzina di mammiferi, li seguiamo per un po’ e poi li salutiamo per trasferirci nella zona dell’ultima sessione di snorkeling della navigazione. Rientriamo a Ragga Caye per consumare il pranzo e attendere l’imbarcazione che ci dividerà dai nostri colleghi di peripezie che faranno rientro sulla terra ferma, all’opposto di noi che ritorneremo a Tobacco Caye. Dapprima arriva il momento di salutare gli altri passeggeri che si allontanano a bordo di una barchetta poi, dopo qualche minuto, siamo noi a lasciare l’isola e dire addio all’equipaggio del catamarano perché è arrivato Eric per accompagnarci sul fazzoletto di terra emersa poggiato sul ciglio della barriera corallina. Trascorriamo le giornate presso il Reef’s End occupando il tempo tra immersioni e relax sulla terrazza affacciata sull’acqua, osservando numerose razze che si addentrano indisturbate nella laguna e pellicani che si tuffano a capofitto nel mare per banchettare di pesce fresco, senza mai mancare la preda.

IMG_6542L’ambiente è molto distensivo, Eric copre tutti i ruoli: passando da Divemaster, a guida turistica, a cuoco e concludendo come cameriere, mentre il simpatico proprietario Pär si occupa di intrattenere i clienti o recuperare un gruppo di americani alle prime armi con i kayak che si sono arenati sugli scogli dopo aver sopravvalutato le proprie capacità grazie a qualche birra di troppo. Dopo quattro giorni di attività sopra e sotto l’acqua lasciamo questo piccolo frammento di paradiso per ritornare sulla costa e spingerci ulteriormente a sud.

Guarda tutte le foto

Guarda i consigli

Sailing Belize’s cayes

We meet our companions at Raggamuffin’s pier, introduce ourselves and straightaway the discussion between us two, two Dutch girls, Chiara and Pia from Austria, Monty and Julie from the United States falls in to politics, all starting from the usual question asked in this period by us Europeans: “what do you think about Trump?”. Since he’s in power we’ve met many Americans, yet no one likes him and no one seems to have voted for him and each time we hear some crazy stories about what he’s trying to do or what he says he will do. This time we also hear about other bad politicians from Holland and Austria of which we haven’t heard before, being always on the go we don’t listen much to the news, but we find it more interesting to hear them from people coming from the countries in question. It’s time to leave and we decide to concentrate on the vacation and not on what is bad back home.

IMG_6034For the first few hours there is enough wind to sail, afterwards we mainly travel by engine, however it doesn’t really matter, what’s important right now is to have fun which we definitely do with the wonderful people we have with us, apart from the ones listed before, there is Stephen from England, Lara from Spain that now lives in New Orleans, a couple from the near Ambergris Caye, a family from Wisconsin, two Belizean girls with an American and last but not least the amazing crew: Kevin the captain, Larry the cook, Chris and Bobby. On the way we have a break at Goff’s Caye, see many small and bigger islands, few dolphins swimming by and, when we stop for snorkelling, we spot a manatee, also called sea cow as it is a herbivorous mammal, big and gentle like cows on land. The legend says that the name was given by drunken pirates that when they first saw these animals coming out of the water with seaweed stuck on their head they thought they were mermaids, when they looked closely and they figured they weren’t, their reaction was “Oh man…”, then seeing their T-shaped tail “…a T”, putting the two together it came out as manatee. Wherever the name comes from, I find it to be a very nice animal and I’m glad we managed to see one so close to us. Continuing our way along the world’s second largest reef we arrive to Rendezvous Caye, a piece of sandy land right on top of the reef, we set up our tents and enjoy a beautiful sunset standing in the water with a rum punch in our hands.

IMG_6080After a delicious dinner we spend the evening chatting in good company. Some of us wake up in time to see the sunrise, we wake up just after and once put the tent back together we have a good breakfast and restart our journey on Ragga Empress catamaran, after two stops for some snorkelling we dock at Tobacco Caye. Being this our next destination we go in search of the hotel where we will be staying to have a look at it, here we meet Eric, the dive master who tells us he will try to arrange a pick up from the island where we will be staying tonight, so that we don’t have to go all the way to the main land and back out here. About two hours later we get to Ragga Caye, here we have some nice four bed dorms where to spend the night. Larry makes us a exquisite cevice with the conch that were found today, one of them was picked up by me, of course it was the best one. Whilst for dinner we have a barracuda bought from the fishermen and all the fish that were caught today by us, unfortunately the huge fifteen centimetres long fish caught by Stephen “accidently” fell into the sea. Pia and Chiara explain us a very funny card game called cambio which we play the whole evening getting addicted to it and modifying it to a drinking game. The only reason that makes us stop playing is the fact that us girls have to go to toilet, being far away and having to get soaking wet under the storm, we decide not to go back, but go directly in bed.

IMG_6176After breakfast we hop on the big boat for our last time, we go to a small island to observe frigate birds, next we go in search of manatees. We spot about six, but all we can see is part of them coming out from the water. Near to South Water Caye we snorkel once more learning few interesting things about fish and corals from Chris, then back to Ragga Caye we have lunch and exchange e-mail addresses with everybody, in order to keep in touch and share the pictures of the three incredible days. We watch our companionship taking the speed boat to the main land and wait for Eric to come and pick us up. Half an hour later we find ourselves on the small Tobacco Caye, a fishing island completely surrounded by conch shells with a population of twenty people and the reef just off shore. Already from the pier of Reef’s End Lodge we can scrutinize many giant southern stingrays and white spotted eagle rays, when we put our masks on and the heads under the water we discover a whole area full of them feeding from the grassy bottom. It’s hard to get out but it’s time for a shower and dinner.

IMG_6479In the morning we go scuba diving seeing many corals and two nice nurse sharks, one of them pregnant. The next day we are happy to go out again to see such a rich marine life and after the second dive the very friendly Swedish owner offers us a beer that we enjoy on the way back to the island. Last time we stayed in an all inclusive resort on an island it was in Borneo with very basic room and food, here compare we are treated really good, with very good food, a comfortable room and nice people. We really enjoy this place, swimming, snorkelling, diving, paddling and relaxing, but after four nights we leave hoping to find another wonderful place in beautiful Belize.

See all photos of Martin

See all photos of Belize

Caverne sopra e sotto l’acqua

Sono trascorsi ormai sette mesi da quando abbiamo varcato il confine nepalese ed ora ci ritroviamo nuovamente ad attraversare una frontiera terrestre per mettere piede nel ventiduesimo paese del nostro viaggio. Tutto scorre liscio, senza complicazioni o richieste di tasse extra per velocizzare le procedure com’era usanza in Asia. Il viaggio da Flores a San Ignacio è piuttosto veloce, a metà mattinata siamo già nella piccola località dove tutto il turismo ruota principalmente attorno alla caverna Actun Tunichil Muknal, comunemente conosciuta come ATM. Il centro del villaggio è racchiuso attorno a Burns Avenue, dove si trova la maggior parte delle agenzie che organizzano escursioni nella regione. Noi scegliamo di affidarci a Maya Walk per visitare la caverna ATM e dopo aver confermato per il giorno seguente non ci resta che assaporare un rum punch al vicino bar dalla lontana reminiscenza giamaicana.

IMG_5833La lingua ufficiale del Belize è l’inglese anche se la popolazione è un miscuglio di persone provenienti da ogni angolo del pianeta e quando si ode la gente parlare tutto diventa più confusionale perché a dipendenza dell’origine la lingua utilizzata è creolo, maya, spagnolo o qualche altro dialetto a noi incomprensibile. Scopriamo molto di più riguardo alla storia della regione il giorno successivo grazie a Hugh, la nostra guida per la giornata. È letteralmente un pozzo di conoscenza senza fondo, ci bombarda appassionatamente di informazioni per otto ore filate senza annoiarci un singolo minuto, guadagnandosi il titolo di miglior guida dell’intero viaggio. Ad aiutare Hugh a rendere la giornata fantastica c’è la caverna dove camminiamo, nuotiamo ed ammiriamo le formazioni rocciose createsi durante il corso dei millenni. Dopo quasi un’ora di cammino con i piedi a mollo si raggiunge la cosiddetta camera asciutta, dove abbandoniamo scarpe e qualsiasi altro oggetto prima di procedere all’interno dell’enorme sala ricca di reperti Maya che si trovano nella stessa posizione in cui sono stati lasciati dagli sciamani quasi milleduecento anni fa.

IMG_5822L’ipotesi degli archeologi è che durante il nono secolo dopo Cristo la popolazione della zona è stata messa in ginocchio da una continua siccità, tanto da costringere i governanti delle maggiori città Maya dei dintorni a mandare i propri stregoni all’interno della grotta per svolgere rituali in favore del Dio della pioggia. Man mano che ci addentriamo nella grotta le testimonianze aumentano, con la seguente deduzione che i precedenti rituali non hanno dato i risultati sperati. Hugh continua ad entusiasmarci con le sue interpretazioni degli avvenimenti e come moderni Indiana Jones proseguiamo imperterriti all’interno della caverna attorniati da giare, piatti ed altri misteriosi oggetti che giacciono nella stessa posizione da più di mille anni. Il calcare contenuto nell’acqua che filtra all’interno della grotta durante le piogge ha parzialmente ricoperto i reperti, lasciando però intravvedere alcune ossa a dimostrazione che le offerte materiali non erano sufficienti. Hugh ci spiega quanto erano disperati da spingersi a sacrificare vite umane e mentre le sue parole arricchiscono le nostre conoscenze raggiungiamo un’ulteriore camera, più stretta e leggermente distaccata dalla principale. Al suo interno si trovano le reliquie intatte di due esseri umani offerti in cambio della tanto sperata pioggia.

IMG_5823Inoltre i crani modificati dimostrano che non veniva sacrifica gente appartenente alla plebe, ma bensì persone provenienti dalle famiglie governanti, in quanto questa usanza che consiste nell’esercitare una pressione continua sulla fronte del neonato era riservata alle persone di alto rango. Mentre ripercorriamo il percorso inverso per ritornare alla luce del sole riflettiamo su quanti misteri restano ancora celati nell’oscurità di questo luogo e quanto tempo trascorrerà prima che verrà negata l’entrata ai mortali comuni come noi, senza alcuna nozione di archeologia. Lasciamo San Ignacio per dirigerci sulla costa caraibica del paese ed in poco più di due ore a bordo di un comodo bus locale raggiungiamo Belize City. Un simpatico ragazzo che ha condiviso con noi il viaggio in autobus si offre per accompagnarci al porto e durante il tragitto ci mostra la città includendo una fermata al mercato per acquistare frutta a prezzi stracciati. Arrivati all’imbarcadero ci indica dove acquistare il biglietto per Caye Caulker e poi sparisce senza pretendere nulla in cambio. Arriviamo sull’isola e ci mettiamo alla ricerca di un alloggio dove poggiare i nostri zaini prima di richiedere informazioni ai centri di immersioni circa l’uscita presso il famoso Blue Hole. Il villaggio è di dimensioni piuttosto ridotte ed in mezza giornata lo abbiamo praticamente girato tutto.

IMG_5843Durante la nostra visita ai diversi diving center troviamo pure il tempo di passare presso l’ufficio di Raggamuffin per confermare l’escursione che tra qualche giorno ci vedrà veleggiare lungo la barriera corallina belizeana. Tra le varie offerte per immergerci presso il Lighthouse reef la nostra scelta ricade sull’agenzia Black Durgon che ci propone di uscire l’indomani, ma quando passiamo in serata per confermare ci comunicano che a causa del forte vento che si sta abbattendo sulla costa da ormai una settimana, con conseguente mare mosso, l’uscita è posticipata al giorno seguente. Non ce la prendiamo e seguendo il motto dell’isola “Go slow” ci prendiamo un giorno di riposo e spulciamo le opzioni per continuare il nostro viaggio una volta arrivati a Dangriga. Il vento non cessa e l’escursione viene rimandata per ben tre volte, con la conseguente giornata dedicata al relax e all’organizzazione. Finalmente il vento si calma e riusciamo, durante il nostro ultimo giorno di permanenza sull’isola, nell’intento di immergerci e nonostante la barca sia piuttosto grande le tre ore di navigazione che separano Caye Caulker dal Lighthouse reef sono piuttosto movimentate. All’interno dell’atollo le acque si calmano immediatamente, agevolando l’entrata nel mare per esplorare le profondità dell’enorme caverna sottomarina. Scendiamo fino a quaranta metri sotto il livello del mare per ammirare le mastodontiche stalattiti formatesi milioni di anni fa e ad accompagnarci nella perlustrazione c’è uno squalo incuriosito dalla presenza di tanti esseri umani. Ritorniamo rapidamente in superficie e ci spostiamo sulla barriera corallina per tuffarci nuovamente, ma questa volta per osservare la vita sottomarina e non l’oscurità di un enorme buco perfettamente circolare.

IMG_5893Attracchiamo al porticciolo di un’isola deserta per consumare il pranzo e visitare l’unica colonia di red footed booby all’infuori delle isole Galapagos. Lasciamo Half Moon Caye e ci immergiamo per l’ultima volta nelle acque dell’atollo prima di far rientro a Caye Caulker dove riceviamo gli ultimi ragguagli per la navigazione a bordo del catamarano Ragga Empress.

Guarda tutte le foto

Guarda i consigli

UnBelizeble

The border crossing from Guatemala to Belize is way easier than expected. We get out of the bus with all our belongings, get stamped out, walk about fifty metres, get stamped in and walk back on the bus, no questions are asked, everything goes smooth and fast. After seven months without crossing any borders by land all we remember is scams, problems, strange tips to be paid, long waiting time, … Non of all this happens here and once again the first approach to the country is very positive. We arrive in San Ignacio and ask directions for Hi-Et Guest House, everybody is happy to help, even taxi drivers. At the hostel the man explains us about the small village, what there is to do and on the street we meet many Afro Rastafarian greeting us, together with boards advertising jerk chicken and a slang hard to understand, it seems like being back to Jamaica, the only big difference is no smell of weed in the air.

IMG_5831The village doesn’t have much to offer, but we are here for one reason, the ATM cave tour which we organize for the next morning. On a minivan we drive to the valley where after about half an hour walk we get to the entrance of Actun Tunichil Muknal, we jump into the refreshing water and start swimming, walking and climbing upstream. Apart from the usual stalactites, stalagmites and columns that we’ve seen in other caves before, we see some superb crystallizations made from the water melting the limestone. At one point we climb up a stone, take our shoes off and enter, through a small hole, into a huge dry chamber where the trace of human beings is apparent from the beginning: there are ceramic pots everywhere, following what is clearly the waterway during wet season. Back in eight hundred A.D. Mayan started to assist at a bad dry period that became worse and worse until, not having enough water to drink and to produce food for the overpopulated region, by nine hundred A.D. they moved north and south losing a lot of their power having to submit themselves to other populations. Of course as soon as they realized that the rain wouldn’t come as often anymore they tried everything they could, dragging themselves into the darkness of caves like this one in search of the God of Rain to perform rituals hoping to bring the rain back.

IMG_5821These rituals went on and on for eighty years, in the chamber we can see that they started with simple smoke, as we go deeper in we see pieces of bones that were diagnosed to be fingers and further in we find skulls and full bodies skeleton, meaning that with the time they sacrificed not only pieces of their bodies, but they were so desperate they would secrify people, not anyone though, studies made from archaeologists show that the rests found are all modified skulls, which means they were wealthy people, as those kind of modification were made as symbol of beauty only to royals and such. They really tried everything and gave their best to the Gods. Being able to see human skeletons one thousand years old is an uncommon opportunity, I feel very lucky, especially because it was already closed to the tourists once after the third time a camera fell down on the artefacts ruining them, now no camera is allowed in, but still I think is not going to be open to the public for ever, it’s such a treasure and needs to be kept in good conditions. From the very start to the very end of the whole tour our guide Hugh didn’t stop giving us information, he’s like an open encyclopaedia, he knows all about Mayan culture and has answers to all our questions, without him it wouldn’t have been so interesting. He made the tour worth every single cent spent and left us with a lot more knowledge about this mysteriously amazing culture.

IMG_5829We leave the inland part of the country very satisfied and take a local bus to Belize City, where a very kind young man that was on the bus, walks us to the water taxi terminal showing us a little bit of the small city. The whole country has a population of only three hundred sixty eight thousand, impressively a small amount of people, but still has many different ethnicities, the main ones are Maya, Garifuna (Afro-Amerindian), Chinese and the new arrival white people attracted by a land geographically interesting, where anybody can easily buy a property and the official language is surprisingly English, as England was the last country to invade, letting them nicely have their independence in nineteen eighty one. The tendency of retiring in such a beautiful nation we especially see it on Caye Caulker, the island we stop to for several days. We come here after hearing many people talking good about it and we understand why, the motto is “Go slow”, there are no cars or paved roads, only bicycles and golf carts wonder around and the barrier reef is very close by. Our plan is to move from here with a sailing boat which we organize already the first day with Raggamuffin, a very recommended company.

IMG_5837Of course while on the island we want to take advantage of the spectacular water to do some diving, most of all we are interested in a day trip to the Lighthouse Reef where we can dive into the famous Great Blue Hole. We ask few different diving shops about it and decide to go with Black Durgon, the price is one of the cheapest and they are very friendly, our wish to first go for a local reef dive cannot be fulfilled as there is way too much wind for anyone to go out with a small boat. Unfortunately even the Blue Hole trip, for three days in a row, is moved to the next day, so all we have left to do is to go with the flow of the motto and “Go slow”, thinking, considering and rethinking of what to do next, after the three days sailing, shall we go to Glover’s Atoll Resort for a week, or spend four days on Tobacco Caye and other four in Placencia? It’s a very hard decision and finally we opt for the second, in order to see more of Belize. On our fourth day, we can go diving, we leave the island early in the morning and after three hours of very bumpy ride, with a break of calm water when crossing the Turneffe Atoll, we arrive at the edge of the huge three hundred metres diameter perfectly rounded hole where we have a deep dive of forty metres. The natural monument is surely amazing to see from an helicopter or a aeroplane, but diving into it is nothing that special, I don’t see why is reckoned to be one of the ten best dive sites in the world, apart from some big stalactites that were hard to see in such darkness, the only nice thing is a big reef shark swimming right below us.

IMG_5916We will see more sharks in the next dive as well as a lionfish, a stingray, a lobster and many nice corals. For lunch we stop on Half Moon Caye where a big colony of red footed boobies live and later we have one more not so interesting dive always in the Lighthouse Reef. Back on Caye Caulker we get some information about the sailing trip of the following morning and prepare for departure.

See al photos of Martin

See all photos of Belize

Immersi nella natura

Dopo un breve soggiorno a Panajachel ci dirigiamo verso il centro del Guatemala e per questo spostamento prevediamo una giornata intera. Alle otto del mattino saliamo a bordo del minivan che pian piano passa da diversi alberghi a recuperare tutti i viaggiatori e anche se perdiamo un po’ di tempo per quattro passeggeri che non si presentano all’appello ci rallegriamo per aver guadagnato una porzione di spazio che ci permette di viaggiare maggiormente comodi. Ci immettiamo sulla via che ci consente di scavalcare le montagne e dopo un paio d’ore giungiamo ad uno svincolo dove un gruppo di sostenitori del partito politico Codeca sta manifestando contro l’attuale privatizzazione delle centrali di produzione elettrica. Questo è uno dei molteplici blocchi stradali indetti a livello nazionale e per questo motivo non abbiamo altra alternativa che attendere la fine della protesta. Vari sostenitori della causa si alternano al microfono per scandire i propri slogan mentre la folla risponde con un timido “sì” e tutte le persone in attesa che la strada venga liberata restano a guardare senza scomporsi.

IMG_5385La gente chiacchiera, mangiucchia pietanze servite a bordo strada e qualcuno mormora che la strada verrà riaperta alle quattro o forse alle cinque del pomeriggio, altre voci dicono che all’una tutto sarà finito e il traffico potrà riprendere il suo normale corso. Dopo tre ore d’attesa, improvvisamente, le persone si mobilitano ed i motori degli autocarri ricominciano ad emettere rumorosamente fumo nero dagli scappamenti. Puntualmente allo scoccare delle tredici tutto termina ed i mezzi gommati riprendono caoticamente possesso della carreggiata. Il nostro viaggio continua imperterrito in direzione di Lanquin con una breve pausa per mettere qualcosa sotto ai denti, in seguito l’asfalto cede il posto allo sterrato ed il cielo inizia ad imbrunire, ma la nostra meta finale è ancora distante. Poco dopo le otto di sera l’autista accosta a lato del famoso fast food con la M gialla e questa è l’unica e ultima possibilità di cenare prima di arrivare a destinazione. Le due ore conclusive di strada sterrata sono estenuanti, non tanto per noi quanto per il conducente che è rimasto al volante per quindici ore. Dopo una doccia rinfrescante ci infiliamo sotto alle coperte e cadiamo in un sonno profondo. Al nostro risveglio ci rendiamo conto del magnifico posto in cui siamo capitati e decidiamo di trascorrere la giornata godendo della tranquillità del paesaggio che ci circonda. L’indomani montiamo sul retro di un pick-up in compagnia di una dozzina di viaggiatori per raggiungere la remota località di Semuc Champey e dopo tre quarti d’ora di sballottamenti rimettiamo finalmente i piedi per terra. La prima attività della giornata consiste nella visita delle grotte di K’Anba dove camminiamo nell’acqua che a tratti ci sommerge fino al collo ed a rendere ancor più avventurosa l’esplorazione è il fatto di rischiarare la nostra via solo con la fioca luce di una candela.

IMG_5573Scaliamo piccole cascate e sdruccioliamo su scivoli scavati dall’acqua nella roccia calcarea durante il corso dei secoli prima di ritornare a vedere la luce del sole. Prima di pranzo ci rilassiamo fluttuando su gommoni lungo il fiume, passando sotto a snelle cascate e attraverso docili rapide. Risalendo le scale che portano al mirador smaltiamo tutte le calorie acquisite durante il pasto ed il panorama che si può ammirare dall’alto vale ogni singola goccia di sudore versato. Le piscine naturali formatesi lungo il fiume sono uno spettacolo per gli occhi e una manciata di minuti più tardi sono un toccasana per il corpo accaldato dallo sforzo. Discendiamo le numerose pozze cristalline tuffandoci o scivolando nella seguente fino a raggiungere la più bassa ed uscire dall’acqua per far ritorno a Lanquin.

IMG_5682Ripercorriamo il percorso montagnoso a ritroso e sfiniti dalla giornata ci distendiamo sull’amaca posizionata di fronte alla nostra camera da letto. Iniziamo a conversare con i nostri vicini e scopriamo che questa coppia di simpatici belgi sta effettuando il giro del mondo per la durata di tredici mesi ed ha lasciato casa un anno fa, il punto cardinale che segue è est e scrive un blog delle loro avventure. Tutti fattori che ci sono molto familiari, solo al momento di scambiarci i dati del sito internet ci fanno notare che loro lo pubblicizzano tramite magliette mentre noi abbiamo optato per i biglietti da visita. Il giorno seguente lasciamo definitivamente le montagne per approdare nella pianure calorose e umide, sperando che durante il viaggio non ci siano intoppi e tutto proceda come da programma. Tutto scorre liscio tranne un fastidioso acquazzone che ci accoglie al nostro arrivo sull’isola di Flores. Optiamo per soggiornare all’ostello Los Amigos che ci è stato vivamente consigliato da altri viaggiatori e non appena varchiamo la porta veniamo catapultati in un patio ornato da una folta vegetazione e colmato con comode sistemazioni ed addobbi in stile indiano. Veniamo gentilmente condotti attraverso il labirinto di scale e corridoi che porta alla nostra stanza che si chiama niente po’ po’ dimeno che “il loft” e anche se il nome può evocare l’idea di una camera lussuosa si tratta di dormitorio posizionato in un sottotetto ed aperto su ambi i lati. Trattandosi dell’unica opzione valevole ci accontentiamo e si dimostra un’ottima scelta perché, oltre che essere la più economica, è attraversata da una brezza che rinfresca le notti tropicali. Non perdiamo tempo ed il mattino seguente alle quattro e trenta saliamo sul furgoncino che ci conduce al sito archeologico di Tikal. Dopo un’ora di viaggio sbarchiamo nel mezzo della foresta e ci incamminiamo nella ricca flora alla scoperta di templi e misteriose costruzioni semicoperte dalla natura. I turisti sono ancora pochi mentre scimmie ragno e scimmie urlatrici la fanno da padroni nella giungla, con versi udibili a centinaia di metri distanza. Scaliamo la struttura più alta del complesso ed il panorama mozzafiato accompagnato dai suoni della foresta rendono il paesaggio surreale e mistico.

IMG_5766Proseguiamo la visita raggiungendo la piazza centrale dove ci concediamo il tempo di visitare le varie costruzioni che si affacciano su di essa. Ancora una volta rimaniamo ammaliati dal mistero che avvolge le città Maya, la precisione e l’orientamento riferito agli astri di palazzi costruiti durante periodi in cui le tecnologie moderne non erano neppure lontanamente contemplate rimangono tutt’oggi un arcano. La fine delle spiegazioni della guida e la calura del mezzogiorno ci spingono a scegliere di rientrare a Flores per cercare un po’ di rinfresco e cibo da mettere sotto i denti. Programmiamo la nostra entrata in Belize e trascorriamo gli ultimi giorni nel paese esplorando la piccola isola adagiata sul lago Petén Itzá, approfittando dell’atmosfera distensiva dell’ostello dove ritroviamo numerosi viaggiatori incontrati lungo il nostro percorso in terra guatemalteca.

Guarda tutte le foto

Guarda i consigli

Guarda l’itinerario

Adventures in the river

Passing quickly to Panajacel we leave Lago Atitlán looking backwards few time, as it could be the last time we see volcanoes in our life. With eleven other tourists we hop on the small bus that will eventually take us to Lanquin. The driver seems to be very confused of which road to take and this doesn’t sound like a good thing to us, in fact after more or less one hour drive he stops and tells us we can get out and have a walk if we want, it might take long before we can continue. At this point we understand what is going on: there’s a national strike blocking all the roads of Guatemala. The protest is against the president Jimmy Morales and the government who decided to sell all the energy companies to private. Of course this signifies cut of jobs and raise of electricity price. While we are listening to the various men protesting and demonstrating is only 10am and a woman who comes up to us asking how we’re doing tells us that the road will probably be closed until 4-5pm, not bad considering that we only have another nine hours to get to our final destination. Luckily the woman was wrong and by 1pm the street is cleared. After a long way on a dirt road, sure we have arrived, the driver stops in front of Mc Donald telling us this is our only chance to have dinner. It’s 8pm and we still have two hours to go. The day seems to never end, when we finally arrive at El Retiro Lodge we are welcomed in the worth way by the manager who refuses to give us the included breakfast we have on our booking being very rude. At least the room is actually as nice as we were expecting, after a shower we fast fall asleep.

IMG_5428In the morning we wake up at the wonder of this magnificent place set right beside a clear and refreshing river, still mad and disappointed about the behaviour of the manager, we decide to let him win and stay here a bit longer organizing the shuttle bus for the next destination and the tour to Semuc Champey which we will do the next day. Together with a dozen of other travellers we jump on the pickup, holding on tight we ride the nine kilometres of bumpy road reaching the Cahabón river, we take off our clothes, with the swimming costumes, shoes and the lights of a candle each we enter the K’Anba cave. Following the guide we crawl, swim, jump and climb into one kilometre of it. We have a lot of fun and once out the fun is not over, we take a tube each and walk until a nice pool where we drink a beer floating under warm waterfalls, we then let us slowly drag down the stream. After lunch is time for the steep climb up to the view point, from here we enjoy the famous blue pools formed in years by the river excavating through limy rocks, before we benefit of them to have a swim: we jump into the first one, let the fish eat out the dead skin from our feet, then continue further down until the last one crawling or sliding.

IMG_5670Unfortunately time always goes fast when you’re having fun and soon is time to leave. One more crazy drive down the road and, exhausted, we take a rest on the hammock in front of our room meeting our neighbour, a Belgian couple who, like us, left home one year ago and is travelling the world for thirteen months going east, the only difference is that instead of having business cards of their blog, they have t-shirts. It’s an interesting encounter, the first time we meet people doing something so similar to us. We enjoy this paradisiacal place for the last time having a delicious buffet dinner and by 8am the next morning we are ready to move to Flores, fortunately this time we don’t find ourselves in the middle of protest or big traffic jams, everything goes well until, early in the evening, about five minutes away from the village, they tell us to move on to another minivan, where a too kind man gives us advises of what to do, how and when to organize activities and a lot more. At one point he stops and asks us if we want to go with him to the archaeological site the next morning, when we answer that we don’t know yet when we’re going and we first want to get to the hostel, he drops us all down in the middle of a storm not telling us where we are. Getting nicely wet we walk all together asking people directions and luckily finding straightaway Los Amigos Hostal. I and Patrick are the only one not having a reservation, when we ask for a room the kind receptionist tells us that the only space left is on the loft. At first I worry about the price as the name sounds to me very posh and luxurious, we soon realize that it’s a simple platform with six mattresses on the floor and just a roof to cover from the rain, the cheapest option they have. It turns out to be the best place to be, as there’s always a nice breeze passing through letting us sleep much better than anyone else we talk to in the morning, whom are complaining about the heat. Without any doubt we book the next three nights in this simple and comfortable accommodation. With our river tour and minivan mates we decide to go to visit the famous Tikal the next morning, so at 4:30am we are all ready at the reception, as usual in Guatemala we don’t leave until forty minutes later. In about one hour we get to the archaeological site, the group gets bigger as more people arrive and the thirty four of us start to walk following the helpful guide, a man who knows a lot about the place and Mayan culture.

IMG_5758We pleasurably listen to him learning a little bit more about this amazingly curious people. The constructions are massive, from the top of the biggest one all we can see is the forest and the top of some other awesome buildings. Being very early and still practically empty the place is magical, all we can hear are birds singing and howler monkeys screaming. Continuing our walk through the dense jungle we spot some howler and spider monkeys that happily answer to our stupid noise, when we get to the main square the tour is finished and the temperature is getting higher and higher, so we decide to take the first shuttle back. The next few days we spend them relaxing and discovering the streets of this small island on lake Petén Itzá, where we also swim together with local people. We say goodbye to the many people met and organize the journey to cross the border for Belize.

See all photos of Martin

See all photos of Guatemala

See the itinerary