From India to Nepal

Our last train journey is the longest one. With three hours delay, but a very nice company of a Chilean man and an Indian woman with her young son, we finally arrive to Varanasi. Walking along the ghats (long and wide stairs that lead to the holy Ganges river) then taking a ride by boat we observe the different rituals, who prays and washes himself with the water and who watches bodies burning, these so called burning ghats are the main attraction, but it’s hard to tell how the ceremony is done just by watching. Fortunately we find, by chance, Baba Raju, a guru that takes us around the city to explore some hidden temples explaining the meaning of all what’s going on. We end up spending the whole day with him walking around, cooking and eating lunch together. We are very lucky to have met him, it makes our stay in Varanasi very interesting, now we know more about Hindus and their way of celebrating funerals.

img_7261It’s time to leave India, so at 5am we go to the bus station with our ticket for Sunauli, on the border with Nepal, but no one knows about the existence of the bus. Curious people gather around us looking at the ticket, some of them say something in their language, some make a phone call, yet nobody can help us until the station’s chief arrives and even not knowing what our ticket is, he puts us on a bus to Gorakhpur telling us that from there we can take another bus to Sunauli. After six hours we arrive at Gorakhpur and find out that our next bus doesn’t leave from the place where we are, at the information centre they tell us to take a rickshaw to the big bus station where there are hundreds of buses and nothing written in English, people point us the direction for our bus and somehow we find it, it’s very local and small which makes it the hardest journey of all, filling up more and more with people, squeezing us in our chair and with the conductor that continues spitting red stuff out of the window that keeps on coming back on to me. It only takes three hours to arrive, but it seems a lot longer. At the border we get our stamp out of India easily and on the other side, at the Nepali immigration office, they welcome us with big smiles making our visas in only few minutes. Tired of public transports for the day, we decide to take a taxi to our final destination, Lumbini. With a crazy drive we get there and find a clean and cozy room. After five weeks we have a hot shower and a comfortable bed. This is the place where Siddhartha Gautama, the historical Sakyamuni Buddha was born. We visit the temple that hosts the exact place where Maya Devi gave birth to him, then cycle around the area where different Buddhist communities from all over the world built some very spectacular temples.

img_7320The next morning we go to where our bus to Pokhara is supposed to be and surprisingly everything is the way it should be: the bus is big, comfortable, with other tourist and it leaves on the right time. We definitely are in a different country. The journey is long, but very pleasant, going up and down the mountains with some beautiful sceneries, blue sky and clear air. Pokhara is a very touristy town, from here many different trekking around the Annapurna and the Dhaulagiri ranges start, one of the most attended hiking area in the world. We take a nice room at New Tourist Guest House, is brand new with a comfy double bed, a real duvet and good running hot water so I can finally wash my hair properly. We are 800 meters above the sea level, we can see the snow on top of the great Himalayan mountains and after five months we feel some fresh air. Last time we felt cold was in Africa, after that it was always very warm. The atmosphere is really nice, peaceful and there are some very good restaurant, included an amazing Italian one where I eat some very tasty gnocchi and pizza.

img_7739Recovered from the crowd and the chaos of the last few cities visited in India, we organize a five days four nights trekking, as I’m a bit scared of how hard it could be, we arrange everything with a good patient guide and a porter. Happy to have heard and seen our two families back home through skype, we leave with our two small backpacks and a big one carried by Dinesh, the porter, whilst Krishna, the guide, explains us in detail what we are going to do day by day. The first one starts easy with a bit of up and downs, after lunch we climb up three thousand five hundred steps going from the 1540 metres of Tikhedhungga to the 1960 meters of Ulleri where we stop at a guest house with a beautiful view over Annapurna South and Hiunchuli. After breakfast we start walking uphill, soon Laura from Holland and Conny from Germany, whom we met in the evening, reach us and continue the hike with us, as the two guides know each other very well and are good friends, we will trek together for few days, which makes it a perfect deal as I and Conny walk the same “slow speed”. Late in the afternoon we arrive in Ghorepani at 2860 metres, our room is the best of all with a spectacular 180° view of the mountains. Very early in the morning we climb up to the top of Poonhill at 3210 metres over the sea level from where we admire the sun rising and slowly lightening up the snowy top of the biggest mountain I have ever seen, Annapurna I, 8091 metres, Dhaulagiri I, 8167 metres and all the “smaller” mountains around them.

img_7537Even though I thought I couldn’t breathe anymore on the way up, it was absolutely worth it. The day is very long and by the end I struggle a lot hiking up the last 300 metres to reach Tadapani at 2630 metres, fortunately everywhere we stay there is hot water, comfortable beds and very good food. The fourth day is the hardest one for me, it’s all downhill but I have a strong pain behind the knees, “bistare bistare” (slowly slowly) I get to Ghandruk, the biggest village we visit, with a population of ten thousand. The last day we finish our loop in Birethanti 1025 metres, where we started and in Nayapul the taxi picks us up to take us back to Pokhara. With only two blisters on my feet, a cold sore on my lip and painful knees, I managed to walk fifty six kilometres with two thousand eighty five metres of height difference. As if we didn’t do enough in these days, the next morning we wake up early to see the mountains from a different point of view, flying on top of Sarangkot with a paraglide.

img_7675This was the most amazing gift I could ask for my thirtieth birthday from my parents!

See all photos of Martin

See all photos of India

See all photos of Nepal

Difficile lasciare l’India

Il viaggio per Varanasi si dimostra il più interessante , ma anche il più lungo. Dopo l’ennesima notte avvolti nelle lenzuola delle ferrovie indiane, al mattino, facciamo conversazione con i nostri vicini di brandina. In compagnia di una ragazza indiana che, assieme al figlio di due anni e mezzo, sta andando a trovare i genitori e di un arzillo sessantatreenne cileno che durante la sua vita ha vissuto in mezza Europa, nord e sud America passiamo la mattinata a discutere di come sta cambiando la cultura indiana, di viaggi, di esperienze di vita e molto altro. La chiacchierata è sicuramente interessante, ma dopo quasi tre ore di ritardo, in aggiunta alle undici ore di treno preventivate, è confortante intravvedere fuori dal finestrino il cartello con la scritta “Varanasi”. Una volta messo piede fuori dalla stazione comincia l’ultima lotta contro la massa di autisti che vogliono dirottarci verso l’uno o l’altro hotel dove ricevono una provvigione. Districandoci tra quelli che raccontano un infinità di menzogne e quelli che propongono prezzi per turisti appena sbarcati nel subcontinente, troviamo il rickshaw che serpeggiando nel traffico ci porta alla nostra guesthouse diretto e senza ulteriori seccature. Dopo pranzo cerchiamo un’agenzia che possa prenotare due posti su un bus che ci porti al confine con il Nepal, ma anche questa semplice azione in India si trasforma in una piccola impresa. Una volta conquistato il nostro biglietto facciamo una passeggiata sui ghat, ovvero le scalinate da dove i pellegrini accedono al fiume sacro per bagnarsi e purificarsi.

img_7222Il giorno successivo, di buon ora, ci dirigiamo in riva al corso d’acqua e contrattiamo, con uno dei numerosi barcaioli, il prezzo per percorrere a bordo di una piccola imbarcazione un tratto di fiume da dove osservare quello che accade sulle scalinate. Esistono ottantatre ghat, ma solo in tre di essi viene praticato il rituale che interrompe il ciclo della reincarnazione, ovvero la cremazione del corpo del defunto. Il rituale vuol sì che prima il cadavere venga immerso nelle acque del Gange, in seguito viene appoggiato sulla catasta di legna a cui viene dato fuoco con la fiamma sacra ed infine, dopo tre ore, le ossa restanti vengono disperse nel fiume. Questo rituale si svolge giorno e notte senza interruzione e da lavoro a molte persone, compreso chi setaccia le ceneri in cerca di anelli, orecchini o altri oggetti preziosi che vengono cremati assieme al corpo e poi rivenduti al mercato. Negli altri ghat si possono vedere persone che lavano i propri vestiti, i peregrini che si bagnano con le acque sacre e addirittura qualcuno che purifica il proprio interno bevendo dal fiume. Anche qui, come nel resto del paese, le mucche sacre sono praticamente ovunque e mangiano quello che trovano nella spazzatura, con qualche diversivo quale i fiori offerti durante le cerimonie e chi è più fortunata riceve un po’ di verdura come dono da parte di una buon’anima. Quando passano a miglior vita vengono gettate pure loro nel Gange e ogni tanto, tra i vari rifiuti che galleggiano, un qualche cadavere affiora dall’acqua.

img_7201Varanasi è una città molto controversa, come i personaggi che la popolano e noi facciamo conoscenza proprio di uno di loro. Baba Raju è un guru che gestisce un piccolo ashram nella città vecchia e dopo aver scambiato una battuta con noi per strada comincia a consigliarci alcuni luoghi da visitare. Si propone di guidarci, senza dover pagare nulla, attraverso i labirinti di viuzze per raggiungere i posti consigliati e noi, non avendo nulla da fare per tutta la giornata, accettiamo. È lui che ci spiega in dettaglio la procedura della cremazione e da molte risposte ai nostri quesiti riguardo la religione Hindu. Dopo aver visitato alcuni templi nascosti tra le abitazioni della fitta giungla cittadina ci fermiamo presso Blue Lassi a gustarci l’ultima bevanda a base di jogurt e mentre assaporiamo la gustosa pozione vediamo passare davanti ai nostri occhi ben tre corpi che andranno a interrompere il ciclo della reincarnazione. Infine veniamo pure invitati a casa del santone per preparare e consumare il pranzo in sua compagnia. Dopo aver trascorso un’appagante e non programmata giornata ci salutiamo lasciandogli una piccola offerta come da tradizione negli ashram.

img_7258In serata assistiamo, assieme ai molti altri turisti, alla cerimonia in riva al Gange e poi rientriamo al nostro alloggio dato che il giorno seguente ci attende una lunga giornata di viaggio. Sveglia alle quattro e mezza e quando arriviamo alla stazione degli autobus chiediamo presso lo sportello delle informazioni di indicarci il nostro bus, ma nessuno è in grado di darci una risposta. Di tanto in tanto si presenta una persona nuova che chiede di vedere il nostro biglietto, borbotta qualcosa nella sua lingua o fa una telefonata, ma nessuna risposta concreta. Con il passare dei minuti si è formata una piccola folla di curiosi intorno a noi, gli spettatori confabulano tra di loro, tentano di sbirciare quello che c’è scritto sul nostro biglietto, fissano i nostri volti, ma non capiscono nulla di quello che sta succedendo. Gli addetti dell’ufficio informazioni, con uno scarso vocabolario d’inglese, ci fanno capire di sederci ed attendere. Ormai l’orario di partenza del nostro bus è già passato e nelle nostre teste cerchiamo di immaginare quale sia l’alternativa migliore per lasciare questo paese il più presto possibile. Dopo una manciata di minuti si presenta a noi il capo stazione, estraiamo per l’ennesima volta la nostra prenotazione e neppure lui ha mai visto questo tipo di biglietto, ma fortunatamente trova una soluzione e ci fa salire su un autobus con destinazione una città non troppo lontana dal confine da dove il bigliettaio dovrebbe indicarci il bus per la frontiera. Dopo sette ore giungiamo finalmente a Gorakhpur e colui che dovrebbe indicarci la via ci indica semplicemente un altro ufficio informazioni. Il mezzo di trasporto tanto desiderato non parte da qui, ma dobbiamo prendere un rickshaw e andare ad un’altra fermata del paese. Arriviamo alla stazione e non è altro che un piazzale polveroso colmo di autobus senza nessuna indicazione. Cominciamo a chiedere disperatamente a tutti gli autisti “Sunauli bus?” e tutti ci indicano la stessa direzione fino a quando finalmente troviamo il fatidico autobus, saliamo sperando che non ci siano più inconvenienti. Dopo tre ore a bordo di un ferro vecchio stipato di passeggeri, quando il sole è ormai già calato, raggiungiamo la tanto sperata frontiera. Riceviamo il nostro timbro d’uscita dall’India, evitiamo gl’ultimi procacciatori d’affari indiani e attraversiamo il confine a piedi. Veniamo accolti dai doganieri nepalesi con un grande sorriso e dopo una breve procedura siamo ufficialmente in Nepal. Assuefatti dai mezzi pubblici ci concediamo un taxi fino alla nostra destinazione finale. Arrivati a Lumbini passiamo un paio di hotel prima di scegliere la nostra stanza presso Lumbini Guesthouse. Finalmente, dopo un mese in India, un materasso comodo e acqua calda. Questo è il luogo della nascita di Buddha ed è colmo di templi fatti erigere da varie associazioni sparse per il mondo, alcuni veramente straordinari, altri ancora in costruzione.

img_7338Dopo un’ottima dormita, a bordo di una bicicletta, girovaghiamo tra i vari santuari ed in serata, visto che la cucina indiana è principalmente vegetariana ci concediamo un buon piatto a base di carne.

Guarda tutte le foto dell’India

Guarda tutte le foto del Nepal

Guarda i consigli dell’India

Altro giro, altro felino

La tranquillità di Pushkar viene di giorno in giorno interrotta sempre più sovente dai botti di petardi e fuochi d’artificio che celebrano il Diwali. Il culmine dei festeggiamenti viene raggiunto domenica trenta ottobre, quando la maggior parte delle botteghe è chiusa e la frequenza degli spari crea un’atmosfera di guerra che prosegue fino a notte fonda, con alcuni strascichi che si protraggono fino al giorno seguente. Eccetto i festeggiamenti per la festa Hindu per eccellenza, Pushkar è veramente un paese che cattura i turisti e non li molla più. Di per sé non ha molte attrazioni, ma la via dei bazar e i numerosi punti di ristoro che s’affacciano sul lago sacro hanno la facoltà di trattenere le persone che vi transitano molto più di quanto programmato.

img_7020Dopo una manciata di giorni i volti che si incontrano per le strade sono i medesimi e si comincia ad avere un bar di fiducia dove consumare un buon chai o un buon caffè osservando la vita che scorre davanti agli occhi. Dopo aver tanto osannato il cibo indiano non potevamo lasciarci scappare la possibilità di apprendere alcune ricette per accrescere il nostro bagaglio conoscitivo. Grazie a Shivani passiamo una giornata tra fornelli, verdure e spezie per cucinare ed assaporare alcuni tra i nostri piatti prediletti. Un’esperienza decisamente appagante che speriamo possa dare i suoi frutti una volta tornati in patria. L’India attira molti personaggi particolari come l’uomo con cui condividiamo il tavolo per una colazione da Honey Dew. Alla prima apparenza lo categorizziamo come indiano, ma rimaniamo sorpresi quando dopo alcune frasi scambiate tra di noi sentiamo uscire dalla sua bocca le seguenti parole: “Di dove siete?”. Con stupore rispondiamo “Svizzera” e parte una lunga ed interessante discussione con il siciliano emigrato in India ben trentacinque anni fa e perfettamente integrato nel paese. Purtroppo la nostra vita stressante ci costringe a sottoporci ad una seduta di massaggi ayurvedici coccolati dalle mani esperte di Deepak che completa il trattamento con alcuni consigli sull’alimentazione e le abitudini quotidiane. Oziando sui cuscini dei vari ristoranti posizionati sui tetti le giornate scorrono velocemente ed è ormai già trascorsa quasi una settimana. A malincuore lasciamo questo borgo familiare per raggiungere Agra e il monumento più famoso del subcontinente. Arriviamo la sera tardi, ceniamo alla stazione ferroviaria per un franco e cinquanta in due e ci dirigiamo all’ostello a bordo di un tuk tuk che ci costa più della cena. L’indomani, alle sei del mattino, siamo già in fila per accedere al Taj Mahal e dopo aver subìto i minuziosi controlli, finalmente, varchiamo l’entrata principale e davanti a noi un muro di nebbia ci impedisce di scorgere il mausoleo. Man mano che ci avviciniamo si profila la figura della più straordinaria costruzione dell’India e noi non possiamo che ammirarla esterrefatti. Da qualsiasi angolatura lo guardiamo rimaniamo basiti per la sua incredibile bellezza.

img_7070Avvicinandoci ulteriormente cominciamo a distinguere i dettagli composti da varie pietre colorate che, finemente incastonate nel marmo bianco, rendono l’edificio senza eguali nel mondo intero. Questo mausoleo fatto erigere per volontà dell’imperatore Shan Jahan, in memoria della moglie morta durante il parto del loro quattordicesimo figlio, a nostro parere entra a piena ragione nella lista delle sette meraviglie del mondo moderno. Dopo aver ammirato a lungo questo favoloso monumento ritorniamo alla realtà e ci rendiamo conto che abbiamo da trascorrere quasi due giorni interi in quella che reputiamo la più brutta città del nostro percorso indiano. Contavamo sull’ostello prenotato, ma purtroppo non è degno del suo omonimo a Rishkesh e gli unici altri ospiti che incontriamo nell’area comune sono dei fastidiosi moscerini. Ci rinchiudiamo in camera e passiamo la giornata a pianificare il viaggio per i mesi a venire. Il giorno seguente, la pessima colazione servitaci ci induce ad andarcene a gambe levate per trovare un luogo migliore dove attendere il nostro treno notturno. Fortunatamente ci imbattiamo nell’accogliente ristorante Sai Palace, con vista sul Taj Mahal, prezzi inferiori alla media della città e soprattutto con un servizio efficiente e gentile che ci ridipinge il sorriso sul viso. Dopo esserci costruiti una brutta opinione su Agra e i suoi abitanti, grazie a questo luogo, partiamo per Khajuraho con il ricordo un po’ più addolcito. Scendiamo dal convoglio alle prime luci del sole ed in stazione ci aspetta un rappresentante del nostro hotel che ci indirizza verso un tuk tuk. Una volta preso possesso della nostra camera diamo un occhiata al menu del ristorante, ma visti i prezzi decidiamo di consumare la colazione altrove. La nostra scelta ricade sull’ottimo Sunshine Restaurant e con il ventre colmo ci dirigiamo verso l’attrazione principale del paese. Quello che rende così speciali i templi di Khajuraho sono le moltitudini di figure erotiche con donne e uomini ritratti in posizioni acrobatiche, tanto da essere conosciuti anche con il nome di templi del kamasutra.

img_7112Gironzoliamo nel parco che racchiude i monumenti osservando le varie raffigurazioni fino all’ora di pranzo, dopodiché rientriamo all’albergo facendo tappa al nostro ristorante di fiducia. Avendo ancora una giornata da trascorrere in questo luogo senza ulteriori particolari attrazioni accettiamo di partecipare al safari proposto dal simpatico ragazzo della reception. Il giorno seguente, dopo un’ottima dormita, montiamo sui sedili del fuoristrada che ci porterà sulle strade polverose del Panna National Park. Fiduciosi di incontrare un’altra tigre ci inoltriamo nel parco e guardandoci attorno scrutiamo molti degli animali incontrati nel Ranthambhore National Park. Girovaghiamo per un paio d’ore, ma della tigre solo le tracce lasciate sulla sabbia. Sulla via dell’uscita, quando le speranze si sono ormai ridotte ad un misero lumicino, ecco che tra le foglie spunta la sagoma di un leopardo agilmente poggiato su di un ramo che ci osserva con sguardo disinteressato.

img_7187Restiamo ad ammirarlo per un po’, ma l’imminente chiusura del parco ci costringe a lasciarlo sonnecchiare sul suo ramo mentre noi facciamo rientro a Khajuraho per prendere l’ultimo convoglio delle ferrovie indiane che ci condurrà nella città sacra per eccellenza.

Guarda tutte le foto

Guarda i consigli

Happy Diwali

Here comes Diwali, celebrated in whole India and everywhere in the world where there’s a big Indian community. Their way of celebrating though is very different from ours: it’s strictly prohibited to eat meat and drink alcohol! Back home this would mean no party, here everybody is happy and full of smile, around the streets they’re wishing us “Happy Diwali”. They gather with their big families and, before having a good meal, they prey and donate small terracotta pots to the god of luck. By the evening the lake of Pushkar is all surrounded by these candlelight bowls, which make a beautiful effect to look from the rooftop of one of the many restaurants. In the last few weeks people have been buying new clothes, new furniture, anything they could afford and now is the time for them to show off with all of these new items. The main activity is shooting fireworks, very cheap and loud fireworks that will keep on going nonstop for thirty five hours, make it sound like we are in the middle of a war. Beside all this we have a great time in Pushkar, a small holy town where after four days we know everyone and everyone knows us. In Honey Dew, a tiny hole in the wall restaurant where the owner after many years still makes the same dishes, we have a proper coffee and some magnificent original meals, here we also meet a fully Indian dressed guy who comes from Sicily, a very interesting meeting. We attend a cooking class at Shivani’s house learning to make the main local dishes, included chai masala and lassi and we have a very good Ayurvedic massage followed by some helpful tips of how to behave and what to change of our dietary.

img_6988It’s time to move again, this time to the most visited place of this whole area of India, Agra with its Taj Mahal. Soon as we get out of the train, autorickshaw drivers start tormenting us, to get rid of them and because it’s already late in the evening, we stop at a small stall, find a place at the table and have something to eat. When we arrive at the hostel we are extremely disappointed to see that there’s no one at the common area, the food is not good and the room is filthy, full of mosquitoes, which will turn out to be the only other guests of this wretched place. Early in the morning, at 5:30am, we walk to the ticket counter, we take the free shuttle bus to the entrance and we queue up, men and women strictly separated as usual here in India. Everybody gets carefully checked, no bags or animals are allowed, so Martin had to stay in the room with the mosquitos. It’s very foggy and once entered the main gate we cannot see anything, but the further we go and the more we see it, until we get right in front of it, the Taj Mahal.

img_7081Describing it, watching videos of it or looking at photos of it do not correspond to the real beauty of this mausoleum, no wonder is known as one of the nicest building on earth, it really is. The perfection and technique of every single detail is simply astonishing! We only spend two nights here, which is already too much, the city has nothing else to offer, food and accommodation are more expensive than anywhere else and people are very hassling, but it’s absolutely worth stopping, the Taj Mahal is a must for anyone travelling around Rajasthan. Fortunately when we get back at the hostel the owner gives us a better room, I think he understood that we’re not happy, we have a better sleep here, but after a pour breakfast we decide to move to the rooftop of Sai Palace hotel to spend the afternoon waiting for the night train, from here we can enjoy the view of the beautiful Taj Mahal and Martin has the chance to see it too, which makes him very happy. Next stop is Khajuraho, famous for its erotic temples, built between year 950 and year 1050. The sculptures that cover the remaining twenty five temples are in fact images of men and women in different Kamasutra positions, with one exception where a horse is involved, Martin is quite shocked to see the scene.

img_7114Half a day is enough to discover these bizarre buildings, so the next day we take another chance to spot some dangerous wild life. In Panna National Park until almost the end of the safari we only see the usual common animals, on the way to the exit of the park we luckily spot a wonderful leopard chilling on the tree. We say goodbye to the nice owner of Zen Hotel that offered us a dinner in exchange for a place to stay during his annual visit to north Italy and our beautiful Ticino, then we leave for our last destination of this country.

See all photos of Martin

See all photos of India

All’ombra del forte

Sbarchiamo nella tranquilla Jaisalmer e a primo acchito sembra decisamente più a misura d’uomo rispetto alle altre città del Rajasthan. Viene anche chiamata città d’oro a causa delle sue costruzioni interamente in arenaria gialla che creano uno spettacolo surreale, mentre il forte che sovrasta l’abitato pare un castello di sabbia nel bel mezzo del deserto. È un piacere passeggiare per le stretta viuzze, cercando di evitare le mucche e i loro escrementi, per ammirare l’infinità di piccoli negozi che espongono prodotti d’artigianato, oggetti d’antiquariato, enormi stoffe multicolori che al riflesso del sole fanno luccicare gli specchietti incastonati nelle cuciture e qualche donna che vende freschi prodotti dell’agricoltura locale. Quando il calore del sole comincia ad affievolirsi ci addentriamo nei viottoli del forte per sorseggiare un chai gustandoci il tramonto dalla sommità di uno dei bastioni.

img_6896L’attrazione principale di questo luogo è sicuramente l’escursione a dorso di cammello nel deserto del Thar e pure noi decidiamo di partecipare. Dopo una lunga ed accurata scelta optiamo per un’uscita di due giorni con pernottamento nel deserto sotto il cielo stellato. Alle otto del mattino ci troviamo con i nostri compagni d’avventura e montiamo sulla jeep che ci porterà al villaggio dove incontreremo i nostri mezzi di trasporto. Giunti a destinazione scopriamo alcune cose interessanti, per primo il camel safari viene effettuato a dorso di dromedari e secondo il deserto non è deserto, ma bensì disseminato di piccoli arbusti e qualche pianta. Facciamo conoscenza della nostra guida Nara, montiamo in sella ai quadrupedi e ci dirigiamo nel deserto. Dopo un paio d’ore di dondolio, quando il calore si fa troppo insistente, ritorniamo con i piedi per terra per consumare il pranzo sapientemente cucinato da Nara all’ombra di una pianta e mentre lasciamo trascorrere le ore più calde conversiamo con i nostri colleghi di cavalcata. Recuperati i ruminanti ci copriamo la testa col turbante e riprendiamo il cammino in direzione delle dune di sabbia da dove ammiriamo il sole che va a nascondersi oltre l’orizzonte. Presto il buio ci circonda e una miriade di stelle si accendono sopra alle nostre teste.

img_6853Ceniamo, chiacchieriamo con Johann, David e Sophie e ci addormentiamo ammirando l’universo che fa da palcoscenico mentre i nostri sogni vanno in scena. Il giorno seguente facciamo rientro alla civiltà, gustiamo un pasto senza sabbia e ci godiamo una bella doccia. Trascorriamo ancora una giornata ammirando i dettagli finemente lavorati delle costruzioni di Jaisalmer prima di ripiombare nella caoticità di un’altra metropoli indiana. Tutte le città del Rajasthan sono sovrastate da un maestoso forte e Jodhpur non fa eccezione. Visto dal basso è estremamente imponente, mentre dalle sue mura si può ammirare un panorama mozzafiato che spazia dalla città nuova a quella vecchia interamente dipinta d’azzurro per distinguere le abitazioni dei bramini. Girovaghiamo tra le bancarelle del mercato, che per l’imminente Diwali sono eccezionalmente colorate ed affollate, senza cedere agli insistenti venditori che cercano di rifilarci qualsiasi cosa esposta. Cominciando ad essere assuefatti dalle grandi città indiane la scelta della nostra prossima tappa ricade sul più famigliare paesello di Pushkar.

Guarda tutte le foto

Guarda i consigli

A camel as a friend

Now we know the difference between the two train’s classes, compare to the sleeper class the third A/C has thicker mattresses, a blanket, a cushion, sheets and, most of all, windows are sealed closed, which make the journey a lot quieter. Arrived in Jaisalmer we find the sign saying “Shahi Palace Hotel”, that’s the man that’s going to take us to our nice hotel overlooking the wonderful light brown fort. After many hours without any food I’m starving, so I straightaway order Paneer Palak and garlic Naan, one of my favourite dishes here in India, a kind of cottage cheese with spinach sauce, of course spicy as everything is, and flat garlic bread. We then spend the afternoon asking every agency we can find what they offer for camel safari, everyone has different routes and different prices. Towards the evening we enter the fort area and we stop at Shiva cafe for a drink, here we meet two couples from Leicester that are also trying to figure out which would be the best safari. They are waiting for the owner of the place to explain what they have to offer, while another couple from Germany tells us that they had a great time with them, so after hearing the program and sticking to the price they manage to bargain, we decide to go with them, not the day after, like the two English couples, but two days after. The next day we sleep long in the morning and go to have breakfast inside the fort at Ba’s cafe, where we spend many hours relaxing and looking at the girl that is making a nice painting on the wall.

img_6752Ba will always wave at us when we pass under his rooftop restaurant. Jaisalmer is a gorgeous small town, people are very friendly, smiley and don’t hassle like they do in bigger cities. On our third day we leave by jeep to enter deeply into the desert, which isn’t as empty as I thought, there are a lot of small bushes and sometimes even big trees around. Together with Sophie and David from Belgium and Johann, a German guy that we’ve already met at the hostel in Jaipur, we jump on our camels, which in reality are dromedary. With a big pain at my tailbone (I slipped down the stairs of the train station a few days ago) it takes a while to get comfortable on the slow and calm animal. After about two hours we stop under the shadow of a tree and Nara, our guide, prepare us a chai, some pakoras and chapatti with curry vegetables for lunch. We spend the hottest hours of the day here, while the camels hang around with their front legs tightened and eat whatever leaves they can find around. We ride another hour and a half and finally we arrive at some sand dunes that look more like a “real” desert, this is where we will spend the night, the camels are let free, always with the two front legs tightened, so they cannot run away, and we drink a chai admiring the sunset. For dinner we have rice, vegetable and chapatti, then we go to sleep under thousands of stars. Soon as the sun starts appearing I wake up and not long after Nara, with his usual rhymes, wishes us good morning with a chai. After a filling breakfast and having recuperated the five camels, we head back to the starting point, where we say goodbye to Nara and Johann, who are continuing into the desert for three more days, and we go back to town by jeep.

img_6815We really like Jaisalmer and decide to stay one more day hanging around the small streets of the fort, I also do a bit of shopping, having to hold myself from buying everything I see, I buy a Shalwar Kameez, an Indian typical dress, and two door decorations. We move to Jodhpur, the blue city, here we visit the enormous fort from where we can see the wonderful old and new cities with most of the houses painted in magnificent bright blue colour. In the two evening we spend here, from the rooftop of the Baba Haweli Guest House, we have the chance to appreciate the view of the fort lightened up, whereas during the day we have a walk around the market. In these days they are selling even more colourful items as usual, because of the Diwali festival: fireworks, stickers, flower necklaces, banners, shawls, … The market is very lively and people are happy to see us hanging around. Back on a train we go to Pushkar, where Martin finds not one, but two girlfriends.

img_7015

See all photos of Martin

See all photos of India

T come Turbanti, Treni e Tigri

L’esperienza al Golden Temple di Amritsar è tutta da assaporare. La vista del tempio, sia di notte che di giorno, è splendida. Rimaniamo stupefatti dall’incredibile meccanismo di funzionamento di questo luogo dove tutto è basato sul volontariato, approfittiamo pure noi della mensa dove ogni giorno vengono distribuiti all’incirca sessantamila pasti gratuitamente e tutto con un’organizzazione meticolosa. In una ventina di minuti viene distribuito il cibo ad un migliaio di persone, consumata la pietanza, pulito il pavimento e tutto è già pronto per il prossimo gruppo che già attende munito di piatto, cucchiaio e scodella. Ci tratteniamo a bordo del lago sacro attorno al tempio per osservare la popolazione Sikh che si bagna nelle acque sante senza mai abbandonare turbante e coltello. La fila per accedere all’interno del tempio è pressoché interminabile sia di giorno che di notte, ragion per cui ci accontentiamo della luccicante vista dall’esterno.

img_6444Durante questo viaggio abbiamo avuto differenti esperienze a diverse frontiere, ma credo che quello che accade tutte le sere al confine tra India e Pakistan non si ripete in nessun’altro luogo al mondo. Da entrambi i lati vi sono gradinate stile stadio che si riempiono di persone in attesa dello spettacolo. La musica ad alto volume induce un folto gruppo di giovani a scendere sulla strada nel mezzo delle scalinate per ballare, mentre il flusso di spettatori non sembra cessare. Dopo una lunga attesa inizia l’esibizione delle guardie indiane che, contrapposte a quelle pakistane dall’altra parte dei cancelli, facendo gesti non troppo benevoli gridano parole a noi incomprensibili, ma che incitano i sostenitori locali a replicare con “Viva l’India!”. I toni si fanno sempre meno amichevoli e per finire vengono sbattuti i cancelli ed ammainate le bandiere. Questo piccolo siparietto dovrebbe rappresentare i non troppo amorevoli rapporti tra le due nazioni nei passati anni ed attira ogni giorno una folla di patrioti e turisti incuriositi per assistere alla bizzarra rappresentazione. In molti ci hanno confidato di preferire i treni rispetto agli autobus in questo paese, ma la numerose prenotazioni effettuate lungo la nostra tratta ci hanno costretto per una volta ad optare per un bus notturno con destinazione Jaipur. L’esperienza non si rivela delle più felici, passiamo l’intera notte ballonzolati qua e la nella nostra cabina con il risultato di diverse ore di sonno di deficit. Giungiamo a conclusione che anche la quarta classe delle ferrovie indiane sia migliore degli autobus ed inoltre il prezzo è molto più vantaggioso. Jaipur è la capitale del Rajasthan, ragion per cui si tratta di un’altra grande città, caotica, rumorosa ed affollata. Soggiorniamo presso l’Hathori Palace dove, tra un chai e l’altro allo splendido ristorante sul tetto, ci organizzano tutto quello che ci necessita per partecipare ad un safari presso il Ranthambhore National Park. Visto che le lunghe procedure organizzative indiane ci concedono un giorno libero ne approfittiamo per visitare l’imponente Amber Fort, l’antico osservatorio astrologico che è ancor oggi utilizzato e le viuzze della città rosa.

img_6503Ovviamente, avendo organizzato gli spostamenti con l’autista di un tuk tuk non poteva mancare la visita al negozio di stoffe dell’amico (dove riceverà una ricompensa se acquisteremo qualcosa) dove ci viene mostrata un’infinità di fodere per piumini, per cuscini, pantaloni e molto altro. Alla fine cediamo e compriamo un copriletto per una cifra irrisoria, ma probabilmente maggiorata rispetto al normale costo di mercato. Alle undici di sera riceviamo conferma della prenotazione del treno per Sawai Madhopur e con un paio di chiamate ci assicurano pure una stanza nei pressi del Ranthambhore National park, ma ancora nessuna conferma per un posto su una jeep per il safari. Alle sei di mattina del giorno seguente, ancora parzialmente addormentati, ci rechiamo alla stazione ferroviaria per salire a bordo del nostro treno. Arriviamo alla fermata di Sawai Madhopur e come da programma troviamo l’autista che ci conduce al resort. Prendiamo possesso della nostra stanza in questa tranquilla oasi e grazie al ragazzo della reception riserviamo, finalmente, le due uscite nel parco. Ci gustiamo il pranzo sulla terrazza della nostra camera e verso le due e mezza del pomeriggio, con una buona dose di fortuna nelle nostre tasche, saliamo sul canteer che ci condurrà alla ricerca delle tigri bengalesi. Mentre varchiamo l’entrata, dirigendoci nella zona numero quattro, la guida ci rivela alcuni dati riguardanti la riserva che stiamo visitando e dopo pochi minuti facciamo i primi incontri con la fauna locale. A darci il benvenuto ci sono diverse scimmie langur e piccoli gruppi di cervi maculati che ci osservano senza troppo stupore. Continuiamo ad addentrarci nel parco e, sobbalzando sui nostri sedili a causa della strade sterrate e disconnesse, gli avvistamenti di pappagalli, pavoni, cervi, scimmie e qualche coccodrillo si susseguono. Dopo neppure un’oretta che girovaghiamo a casaccio per la foresta scrutiamo tra l’erba una coda tigrata che si agita per scacciare le mosche. Di tanto in tanto intravvediamo una zampa muoversi e dopo diversi minuti il maestoso felino alza il capo e si mostra in tutto il suo splendore.

img_6676Ci osserva senza preoccuparsi troppo della nostra presenza e con fare sonnecchiante continua ad esaminare l’ambiente circostante. Restiamo svariato tempo in attesa di una sua mossa, ma neppure quando un grosso cervo lo nota e bramisce, per avvertire i suoi simili del pericolo, si scompone più di tanto. Per concludere ci allontaniamo lasciando che la tigre continui a godersi la sua siesta all’ombra degli arbusti. Rientrati al resort scambiamo le nostre esperienze di giornata con gli altri ospiti della struttura e poco dopo cena andiamo a coricarci per essere freschi per il safari del giorno seguente. L’indomani, speranzosi di fare un altro incontro straordinario, alle sei e trenta del mattino siamo pronti per un altro giro. Oggi ci spetta il settore numero cinque e anche qui facciamo subito degli incontri con gli animali più comuni della zona. Continuiamo a girare, ma purtroppo non facciamo nessun avvistamento eccezionale. Comunque soddisfatti del nostro incontro durante il primo giorno facciamo rientro a Jaipur, dove abbiamo qualche ora per rilassarci al ristorante Chillout prima di dirigerci all’estremo ovest, all’interno del deserto di Thar, nella città di Jaisalmer. Visto che la durata del viaggio si aggira attorno alle dodici ore ci concediamo il lusso di viaggiare a bordo della carrozza di terza classe.

Guarda tutte le foto

Guarda i consigli

Eye of the tiger

Our first journey in India was by bus, which was quite good, but fortunately, among the many Indians, there was an Israeli girl who knew in which direction to continue from where we were dropped off, in the dark, in the middle of a road. Everything is possible here, you just have to improvise and have a bit of imagination, good thing that everyone is always willing to help. Now, from Rishikesh, we easily take an Autorikshaw to the train station and, avoiding to step on people sleeping on the floor, we reach our platform and wait for the train. The only space available is in the sleeper class, which is the fourth class (there are five, or maybe more), that means we are the only tourists and, as usual, people come to ask us where we come from, how long we are staying in their country for, what are our plans and suggest us where to go, they don’t talk much about themselves, they are very interested about us. On our cot we feel pretty comfortable, once again we were expecting much worst, twelve hours go fast and we sleep most of the time.

img_6317In the hostel of Amritsar we meet tourists who tell us what’s best to do in the city, since we only have one and a half day here, every suggestion is good. After a delicious chole bhatura, chickpeas in a spicy sauce with one of their many good breads, we take a shower and walk to the area where we know they’ll ask us if we want to go to the border; we take the shared Autorickshaw, go through a body inspection and wait on what back home would be a stadium staircase. People dance, sing, work, soldiers control and whistle, at one point everything is quiet and the show starts! Pakis against Indians, shouting loud with the soldiers doing their walks and stunts. The ceremony represent the story of their not so good relationship. Back in the city we have a look at the Golden Temple lightened up at night, the next morning we visit it with much more time observing the interesting sikh people always carrying their knife. A strange symbol for wonderfully kind and calm people, who are able to maintain the whole area around the temple with booths where to leave the shoes, baskets where to lend a scarf to cover the head, filtered water, a huge canteen where to have food,… everything for free, based only on volunteering, people who are willing to help (I try to help somehow but there are too many volunteers already) prepare approximately sixty thousand meals per day, everything is very good organized. We amass with everyone else, grab our plate, our spoon, our bowl for the water and we wait in front of a door, as soon as it opens we all get inside the huge room, sit on the floor and men come around pouring food and water to all of us, there are twenty rows of fifty people. Fifteen minutes later everybody is out, they clean the floor and here comes the next group of thousand. Impressive! Being in this place was an amazing experience.

img_6456The same evening we catch a night bus to Jaipur. I’ve always wanted to take a night bus, now I know that it’s not so much fun, especially on roads like these. Very tired we relax the whole afternoon on the rooftop of Hathori Palace Hostel. We wake up early and bargain with the first Autorickshaw driver for a good price to take us to the Amber Fort and back to the Pink City, the fort is on a hill and hosts a palace beautifully painted on the inside, in the city we have a walk around the different interesting buildings and visit Jantar Mantar, an ancient astrology observatory still in use today. With the “brother” (everybody is brother of everybody here in Asia) of the receptionist we organize a trip to Ranthambhore National Park, it took about nine hours for him to confirm us the train tickets and the hotel reservation, but this is Indian time, always “shanty shanty” (slowly slowly). Still when we arrive at Vatika Resort the next morning he hasn’t booked the safari yet, which someone organize for us at the hotel. They told us that spotting a tiger, even if in the park there are about sixty exemplars, is very difficult… We must be very lucky then. We drive around crossing hills and forts and, after seeing few deer, there it is, lying down comfortably in the shadow of trees. We wait a while admiring it until he lifts his head up and looks at us. I’m so happy, it’s an amazing animal! Still excited we have a good dinner and go to sleep early in the comfortable bed of the posh resort.

img_6585The morning safari isn’t as lucky as the first one, no tiger on the way, but is still fun to have a bumpy ride around the park. Back to the hostel in Jaipur we pick up our big bags and our next train ticket. This time is going to be a twelve hours night train to Jaisalmer, but on the third class A/C, we will see if it’s much better than the sleeper class.

See all photos of Martin

See all photos of India

Namasté

L’India è un mondo completamente differente dal resto dell’Asia. A partire dal cibo, esistono un’infinità di pietanze squisite dai nomi incomprensibili, ma dal sapore sublime. Per ammorbidire il forte gusto speziato è sufficiente accompagnare il pasto con un lassi e diventa puro piacere per il palato. Poi esistono concetti a noi meno comprensibili, come il loro ordine perfettamente organizzato in quello che a noi appare come un completo caos. Oppure il costante suono di clacson senza che nessuno sia infuriato, ma semplicemente chiunque ci tiene a segnalare la propria presenza sulla carreggiata. Anche buona parte dei viaggiatori che scelgono questo paese per trascorrere una parte della loro vita sono differenti da quelli incontrati finora, da quelli che giungono in India per trovare se stessi tramite la meditazione e lo yoga a quelli che soggiornano qui per mesi senza far nulla sfruttando i prezzi assurdamente stracciati. Durante questi primi giorni apprendiamo velocemente a vivere al ritmo indiano, ovvero lentamente e senza fretta. Sappiamo che quando si parla di attendere un quarto d’ora la lancetta dei minuti compie quasi un giro completo del quadrante prima che qualcosa accada. Osserviamo la vita dei cittadini della capitale girovagando per le viuzze di Old Delhi, sostando di tanto in tanto ad una qualche bancarella, consigliata da Karan, per degustare il cibo che viene preparato da generazioni seguendo la stessa ricetta e quotidianamente frequentata dagli avventori che, come da tradizione, consumano il pranzo per strada.

img_6099Le condizioni igieniche sono sicuramente discutibili, ma la freschezza del cibo è decisamente impeccabile, ognuno è specializzato in un unico piatto, prepara quello che viene consumato in giornata e nulla viene riscaldato o congelato. Visitiamo Jama Masjid, la moschea più grande dell’India, dalla cui torre si gode di una splendida vista fin dove l’inquinamento cittadino lo permette. Proseguiamo recandoci presso l’enorme Red Fort, costruito durante il sedicesimo secolo dall’imperatore Mughal ed in seguito trasformato dall’esercito britannico in caserma durante la colonizzazione del paese. Avendo riscosso la nostra dose di caoticità urbana procediamo verso un clima più fresco e distensivo, alle pendici delle montagne himalayane, dove il fiume Gange nasce. Rishikesh è una località dalla forte impronta spirituale, dove molti occidentali, come i loro predecessori Beatles, giungono in questo luogo per meditare o per svolgere sessioni di yoga in uno dei numerosi ashram.

img_6185Grazie alla simpatia di Ayush, Naveen e tutto il resto dello staff dell’ostello Bonfire passiamo alcuni giorni in questo posto dall’ambiente estremamente familiare e conviviale, scambiando esperienze di viaggio con gli altri dimoranti più o meno fissi. Inoltre assistiamo alla celebrazione del Dussehra festival dove vengono bruciate le figure di tre demoni, visitiamo il paesello e la sua spiaggia, assistiamo alla cerimonia che tutte le sere si svolge sulle rive del Gange, saliamo di mattino presto in cima al monte Kunjapuri per ammirare l’alba, in seguito discendiamo per un paio d’ore fino a raggiungere le limpide acque delle piscine naturali ai piedi delle cascate Neer Gaddu per rinfrescarci. Dopo alcuni giorni di pace e serenità decidiamo che è giunta l’ora di testare l’efficienza delle ferrovie indiane. Treno delle ventuno e venticinque per Amritsar, anche se con mezz’ora di ritardo, il convoglio parte con noi a bordo.

Guarda tutte le foto

Guarda i consigli

Discovering India

Here we are, in the country that I feared the most and, probably because I was expecting the worst, I am so amazed by it.

img_6113Yes, it is crowded, it is dirty, people hassle all the time hoping you’ll buy something from them, it is a big chaos, but it’s also wonderfully coloured and full of smiley people who, despite the loud noise and the “Dhakka Mukki” (pushing around), are very calm, never get stressed and have plenty of time for everything and everyone. In the Paharaganj area of Delhi we stay in Backpacker Panda, a very friendly hostel where we meet many interesting people. With Karan, a young Indian grown in the city, we spend an afternoon walking around Old Delhi where, passing through very crowded bazaars and seeing the real life of the capital’s population, he makes us try delicious street food and explains us how to our eyes India could be seen as a big mess, but in reality is very good organized, even the most hidden and smallest food stand has been in the same spot for generations and no one would dare try to steal it from him. The food walk is the best thing I could do for a great start of our journey around a small part of this wonderful enormous country! Before leaving the city we visit the Red Fort, an impressive big structure built for King Shah Jahan, the same person that built the Taj Mahal, and Jama Masjid, India’s largest mosque, where the three of us find our new devotion.

img_6116After being almost rapt twice from the many children begging around us, Martin is not very sure anymore that he wants to become Muslim, so we take him to Rishikesh, the holy village where the great Ganges river starts from. We attend at a ceremony that happens once a year: children dance around three giant puppets that represent three demons, after shooting them with arrows they burn them and put the ashes into the Ganges; this should keep the bad demons away for one year. In this place where people mainly come to do some yoga and meditate, we see the ashram where the Beatles came back many times to purify themselves, we take part on a ceremony that’s celebrated every evening and we too make our wish and gently put on the water the leaf’s plate full of flowers and burning pieces, following it with the sight until we can see it, hoping it wouldn’t find too many obstacles. One morning we wake up early to go on top of the highest mountain of the area and, from the temple where Lord Shiva’s bust is buried, we watch the sun rising behind the pre Himalayan range. After a small breakfast we walk to a refreshing clear waterfall. This whole area is amazing, very spiritual and surrounded by nature, the riverbanks offer some relaxing sandy beaches where I take advantage of the cold and clean water to have a swim.

img_6190We could stay here for much longer, exploring and trekking, but after four days it’s time to leave for our next destination.

See all photos of Martin

See all photos of India